Seguici su Pinterest!   

Archivi

Modartt lancia Pianoteq 4: disponibile gratuitamente la versione demo!

Modartt rilascia Pianoteq 4, il virtual instrument che in soli 25 MB (avete letto bene!) riproduce alla perfezione – e senza l’utilizzo di samples – tutte le sfumature del suono del pianoforte.
La qualità delle versioni precedenti era tale da farne uno standard negli studi di tutto il mondo: per rimanere in Italia, Marco Borsatti l’ha utilizzato in “Invece no” (dal CD “Primavera in anticipo”) di Laura Pausini.
L’estrema leggerezza del software e la straordinaria resa timbrica lo hanno anche reso uno dei plugin preferiti dai pianisti che sul palco suonano con un notebook.

La nuova release si propone di tracciare un ulteriore solco nella storia dei pianoforti virtuali: sono stati necessari tre anni di ricerca per rifinire alla perfezione i modelli fisici che descrivono i martelletti, le corde, la tavola armonica e il modo in cui interagiscono tra di loro.

Il piano usato come riferimento, uno Steinway D proveniente da Amburgo, ha dato luce al nuovo modello D4.

Un nuovo riverbero a convoluzione permette di simulare realisticamente vari tipi di ambiente (dallo studio al Taj Mahal, ma anche i classici Cathedral, Plate, Spring o il Broceliande) o di caricare i propri impulsi.
Sono stati inoltre aggiunti nuovi effetti come delay, chorus, flanger, compressore… utili per gli add-on di piano elettrico (rhodes, wurlitzer e clavinet ) e l’effetto di rimbalzo dei mallet usati con le percussioni cromatiche (vibrafono, xilofono, marimba, cimbalom, glockenspiel, celesta…).

L’interfaccia non ha più una grandezza fissa, ma è adattabile al proprio schermo: in questo modo sarà confortevole lavorare sia con un netbook che con uno schermo da 30″.

I preset a disposizione coprono tutti gli stili musicali: dal piano perfettamente intonato per il jazz o la musica classica fino all’Honky Tonk, ai piani preparati e a quelli devastati.
Ovviamente è possibile intervenire a piacimento sugli innumerevoli parametri del D4 per creare i propri preset: è possibile scegliere accordatura, temperamento, profondità dell’unisono, durezza e rumore dei martelletti, lunghezza delle corde (e relativa risonanza per simpatia), caratteristiche della tavola armonica, quantità dei microfoni e posizionamento…

L’upgrade a Pianoteq 4 costa € 29,00 per gli utenti di Pianoteq 3 ed è gratuito per chi lo ha acquistato dopo il 1 gennaio 2011!

E’ possibile ascoltare molti esempi e preset e scaricare gratuitamente la versione trial.
Sul sito Pianoteq.com sono inoltre disponibili degli interessantissimi workshop che spiegano come ottenere suoni diversissimi: per ora sono online i tutorial sul jazz (Bill Evans), rock (Let It Be) e classica (variazioni Goldberg).

Insomma, una volta provata la magia del D4… è difficile resistere!

Maggiori informazioni:
Modartt - www.pianoteq.com

Lascia un commento :-)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>



Featured Video







Categorie